mail
home
 
Scheda Progetto
 
 

Anagrafica progetto

protocollo 14/10
Anno 2010
Nome Organismo Università per Stranieri di Siena - Centro CILS e Centro FAST Regione Toscana - Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà

Titolo del progetto Lingua e cittadinanza - Insegnamento di Italiano L2 per cittadini stranieri
acronimo

Tipologia organismo

Centro di formazione
Impresa
Scuola di lingua
Associazione sindacale
Associazione datoriale
Ente locale
Università ok
Istituto scolastico
Altro  


Indirizzo organismo

via Via Carlo Rosselli, 27-28 città Siena nord/centro/sud
cap 53100 regione Toscana  

telefono 1 0577 240124 fax 1 0577 281030
telefono 2 0577 240249 fax 2
telefono 3 sito web www.unistrasi.it
email 1 fast@unistrasi.it email 2 cils@unistrasi.it


sintesi italiano

Il progetto riguarda le attività promosse dalla Regione Toscana (Direzione generale diritti di cittadinanza e coesione sociale - Area di coordinamento inclusione sociale - Settore cittadinanza sociale) negli anni 2007/08 e 2008/09 destinate a percorsi in italiano L2 per residenti di origine straniera in Italia. L’organizzazione di tali iniziative è stata possibile grazie ai finanziamenti del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali (Fondo per le Politiche Migratorie 2005, 2007) destinati alle amministrazioni regionali italiane e mirati all’insegnamento dell’italiano a cittadini di origine straniera. La scelta della Regione Toscana è stata di utilizzare tali risorse per attività di formazione linguistica non semplicemente generiche, ma mirate a una partecipazione attiva ai diritti di cittadinanza, compreso l’accesso e il miglioramento dell’attività lavorativa. L’Università per Stranieri di Siena (in particolare il Centro CILS - Certificazione di Italiano come Lingua Straniera e il Centro FAST – Formazione e Aggiornamento con Supporto Tecnologico) è stata coinvolta per: 3. la supervisione scientifica del progetto; 4. l’organizzazione di giornate di formazione dei formatori; 5. il coordinamento didattico dei corsi di lingua e cultura italiana (elaborazione dei sillabi e tutoraggio) in tutte le province della Regione Toscana; 6. la realizzazione di contenuti FAD; 7. la realizzazione di prove di esami CILS e loro valutazione; 8. il monitoraggio delle attività svolte e loro valutazione. Il progetto ha coinvolto complessivamente 546 soggetti nel 2007-2008 e 837 nel periodo 2008-2009. Lo sviluppo Il modello adottato nel 2008-2009 per l’erogazione dei corsi ha previsto un’articolazione così predisposta: - giornate di formazione per i docenti; - attività d’aula (45-90 ore) per favorire la socializzazione del percorso e la creazione di un’identità di gruppo, per incrementare le competenze dei corsisti, per permettere al docente di affrontare alcuni passaggi relativi alle competenze chiave di ogni modulo; - attività on-line (30–45 ore) per promuovere la consultazione di risorse in lingua italiana graduate per livelli come testi relativi alle attività quotidiane, lavorative, al soggiorno in Italia, link a quotidiani e periodici on-line, a enti di rilevanza per cittadini stranieri, percorsi di autoformazione per i vari moduli con esercizi, simulazioni, learning object, test di autovalutazione, sessioni in audio-conferenza per attività sincrone in lingua (1 per il livello A2, 2 per il livello B1). Per il livello B1 che prevedeva metà del corso secondo una modalità on-line sono stati affrontati, strutturati in 8 unità di lavoro, percorsi differenziati a seconda del settore occupazionale di interesse (edilizia, turismo, assistenza familiare, settori nei quali sono maggiormente occupati i lavoratori stranieri in Toscana); - esame CILS; - monitoraggio e valutazione delle attività svolte. La ricaduta Come si è potuto evidenziare illustrando le caratteristiche del progetto, quando gli interventi sono strutturati, pur con soggetti diversi, le ricadute positive riguardano l’intero sistema, in questo l’intero territorio della Regione Toscana. La novità infatti non è consistita nel promuovere un modello di insegnamento mai sperimentato o specifici strumenti, ma semplicemente nel rendere comunicanti, per fare sistema, una serie di soggetti, istituzionali e non, in una rete formativa strutturata e in grado di funzionare proprio perché soggetta a un coordinamento e monitoraggio costante, con una diretta ricaduta anche nei contesti lavorativi. Ciò ha permesso ai docenti di italiano di essere maggiormente consapevoli del loro ruolo di riferimento per l’italiano in soggetti che non avevano mai cercato un canale formativo; nello stesso tempo ha consentito loro di acquisire maggiore consapevolezza e senso critico nella gestione dei materiali e strumenti disponibili. Gli apprendenti, dal canto loro, hanno vissuto l’intero periodo del corso come una possibilità per migliorare le proprie competenze e l’inclusione nel territorio in cui vivono e lavorano. Anche la formazione a distanza si è rivelata efficace in soggetti ritenuti dai loro stessi docenti abitualmente estranei all’utilizzo di tecnologie avanzate, soprattutto nel campo della formazione. Invece tutti i corsisti, a casa o nei centri di formazione, hanno svolto le attività on-line regolarmente. I risultati dell’esperienza svolta in Toscana si misurano con i diretti legami con il mercato del lavoro e con le possibilità di inserimento e / o di miglioramento di posizione entro questo stesso mercato da parte del lavoratore immigrato che ha avuto accesso alla formazione.


sintesi inglese

The project concerns a series of educational initiatives that took place in Tuscany between 2007 and 2009 and were aimed at foreigners living in Italy. The organization of these initiatives was possible thanks to financing from the Ministry of Work, Health and Social Policies (Migratory Policies Fund 2005 and 2007), which was given to Italian regional authorities expressively for teaching Italian to citizens with non-Italian origins. The Tuscan regional authority’s choice was not just to use these funds simply for generic language education, but also to create active participation regarding citizens’ rights, including access to, and improvement of, employment. The Università per Stranieri di Siena (in particular the Centre for Certification of Italian as a Foreign Language [CILS] and the Centre FAST) is involved in: 1) scientific supervision of the project; 2) organization of teacher training days; 3) didactic co-ordination of Italian language and culture courses (tutoring and creation of syllabuses) in all the provinces of Tuscan Region; 4) creation of distance learning materials (in the second year, language teaching is partially distance-based); 5) writing and marking CILS exams; 6) monitoring and evaluation of the activities carried out. The project involved 546 people in the period 2007-2008 and 837 people in the period 2008-2009 ha coinvolto complessivamente 546 soggetti nel 2007-2008 e 837 nel periodo 2008-2009. The model adopted in 2008-2009 for the courses was as follows: - teacher training days; - classroom activity (45-90 hours) to help students’ socialization and create a group identity, as well as to increase students’ competence and allow teachers to explain key competences in every module; - on-line activities (30-45 hours) to promote the consultation of Italian language resources according to level, including texts dealing with daily life, work and life in Italy; links to on-line newspapers and organizations and official bodies useful to foreign citizens; teach-yourself material for the various modules, with exercises, simulations, learning objects and self-evaluation tests; conference-call sessions for synchronous language activities (one for level A2, two for level B1). For level B1, half the course of which was on-line, different materials, structured in eight work units, were offered according to the employment sector of interest to the student (building, tourism, home help: sectors that foreign workers in Tuscany are chiefly employed in); - CILS exams; - monitoring and evaluating activities carried out. As we have shown in our discussion of the characteristics of the project, when there is an overall structure to initiatives, even when they are initiatives dealing with different participants, then there are positive knock-on effects throughout the whole system, in this case the territory of Tuscan Regione. The new aspect of this project does not in fact lie in having promoted an untried new teaching model or specific methods, but simply in making a series of organizations, some official and some not, communicate amongst themselves in such a way as to create a system. This system constituted a structured educational network that was able to function precisely because it was subject to constant co-ordination and monitoring, which also meant that there were knock-on effects in work contexts. This allowed Italian teachers to be more conscious of the their role of being a reference point for participants who had never sought formal education. At the same time, it allowed teachers to acquire greater awareness and critical sense in their use of materials and instruments available. The students, on the other hand, experienced the whole course period as an opportunity to improve their competences and degree of inclusion in the place where they live and work. Also distance learning demonstrated its effectiveness in participants judged even by their teachers as unused to using advanced technology, especially for learning. Indeed, all participants used all on-line activities foreseen by the course, whether at home or in teaching centres. The results of the Tuscan experience are to be considered in terms of their direct links to the work market and the possibilities for immigrant workers who have accessed this education opportunity of entering the job market and/or improving their position in it.



Lingue UE

Bulgaro Irlandese Rumeno
Ceco Italiano ok Slovacco
Danese Lettone Sloveno
Estone Lituano Spagnolo
Finlandese Maltese Svedese
Francese Olandese Tedesco
Greco Polacco Ungherese
Inglese Portoghese    

Lingue non UE

Cinese Giapponese
Turco Russo
Altro      

Livelli di apprendimento

A1 (Contatto) ok
A2 (Sopravvivenza) ok
B1 (Soglia) ok
B2 (Progresso)
C1 (Efficacia)
C2 (Padronanza)

Osservazioni


COMPETENZE LINGUISTICHE E INTERCULTURALI:

Comprensione scritta ok
Espressione scritta ok
Comprensione orale ok
Espressione orale ok
Capacità relazionali
Capacità comunicative
Competenze interculturali
Comunicazione non verbale
Altro  

Osservazioni

CONTENUTO LINGUISTICO:

Lingua generale
Lingua specialistica professionalizzante/settoriale ok
Contenuti culturali
Altro  
Osservazioni

METODOLOGIE DIDATTICHE:

CLIL
Formazione a distanza
Formazione a distanza assistita da tutor online
Formazione in aula
Formazione mista ok
Cooperative learning
Altro  

Osservazioni


Tipologia beneficiari

Studenti
Apprendisti/Tirocinanti
Occupati
Disoccupati
Inoccupati
Immigrati ok
Docenti/Formatori ok
Altro  

Osservazioni

Settore professionale

Settore 1
Settore 2
Settore 3
Altro  

Osservazioni

Opportunità aggiuntive

Stage in azienda italiana
Stage in azienda estera 
Scambio formativo/educativo - Contesti italiani
Scambio formativo/educativo - Contesti stranieri
Altro  

Osservazioni


Finanziamenti europei e/o nazionali

Programma Leonardo da Vinci
Azione del Programma Leonardo da Vinci
Programma Socrates
Programma Erasmus
Programma Comenius
Programma Grundtvig
Programma Gioventù in Azione
Iniziativa Equal
Fondo Sociale Europeo
Iniziative Locali/Regionali ok
Finanziamenti privati
Autofinanziamento
Altro  

Osservazioni

ASPETTI INNOVATIVI DEL PROGETTO:

Progettazione
Contenuto ok
Tecnologie utilizzate
Metodologie didattiche
Lingua di apprendimento
Tipologia di utenti
Contesto di apprendimento
Competenze sviluppate
Altro  

Osservazioni

Certificazioni linguistiche

Attestato di partecipazione al corso
Passaporto linguistico Europass
Altro  

Osservazioni


Priorità Europee

Sviluppo di contesti favorevoli all’apprendimento delle lingue (2003)
Sviluppo della consapevolezza dell'importanza di conoscere e utilizzare le lingue straniere (2003)
Incoraggiare apprendimento linguistico degli adulti nell’ottica dell’apprendimento permanente (2004)
Apprendimento linguistico degli adulti e sensibilizzazione degli attori locali (2004)
Apprendimento integrato di contenuto e lingua (CLIL) (2005)
Formazione iniziale e continua dei formatori di lingua (2006-2007)
Diversificazione dell'offerta linguistica (2006-2007)
Dialogo interculturale (2008-2009)
Competenze Linguistiche e Impresa (2008-2009)
Apprendimento linguistico e integrazione socio-culturale e lavorativa (2010-2011) ok
Competenze linguistiche per il mercato del lavoro (2010-2011) ok

Osservazioni

Priorità Nazionali

Miglioramento metodologia e materiali didattici rivolti agli adulti (2008-2009)
Attenzione alla popolazione adulta e agli occupati per la competitività professionale (2008)
Attenzione alla popolazione adulta e agli occupati per l’inserimento, il mantenimento e la progressione nel mercato del lavoro  (2009)
Apprendimento linguistico per inserimento dei giovani nel mercato del lavoro e per la mobilità transnazionale(2010-2011)
Apprendimento linguistico per mantenimento e progressione nel posto di lavoro di adulti ed occupati (2010-2011) ok
Lingue come competenza chiave per fronteggiare crisi economica e lavorativa  (2011)

Osservazioni


Caratteristiche dei prodotti/materiali didattici

Tipologia
Percorso didattico ok
Manuale per docenti/formatori
Manuale per discenti
Eserciziario
Glossario
Test di verifica ok
Materiale autentico
Pacchetto multimediale
Altro  
Specifica campo "altro"  
Osservazioni

Supporti
Cartaceo
CD-Rom
DVD/DIVX
Sito web/Portale ok
Audiovisivi
Altro  
Specifica campo altro  
Osservazioni